Privacy Policy Termini e Condizioni
top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreAria Shu

UNA PIOGGIA DI ZOLFO E FUOCO PROVIENE DAL CIELO! È LA “PUNIZIONE DI DIO” CHE COLPÌ SODOMA E GOMORRA

Aggiornamento: 21 feb 2023



Oggi vorrei trattare un argomento alquanto “esplosivo” ma allo stesso tempo misterioso… Sto parlando del racconto biblico di Sodoma e Gomorra, che molti di noi conoscono e forse si saranno chiesti che cosa sia accaduto veramente a queste due presunte città. Ma andiamo per ordine e iniziamo dal principio o per lo meno a quanto pare…

I due fantomatici insediamenti furono protagonisti di alcune tra le storie più drammatiche e celebri dell'Antico Testamento (1). Infatti possiamo trovare il racconto nei capitoli 18 e 19 del libro della Genesi, dove si narra di come Dio distrusse nella pianura del Mar Morto ben cinque città e, oltre a quelle già citate, vi erano anche Adma, Zeboim e Zoar (2) (3). In particolare, nel testo sacro si narra:

Il SIGNORE disse: “Siccome il grido che sale da Sodoma e Gomorra è grande e siccome il loro peccato è molto grave, io scenderò e vedrò se hanno veramente agito secondo il grido che è giunto fino a me; e, se così non è, lo saprò (4)”. “Allora il SIGNORE fece piovere dal cielo su Sodoma e Gomorra zolfo e fuoco, (…) (5)”; “egli distrusse quelle città, tutta la pianura, tutti gli abitanti delle città e quanto cresceva sul suolo (6)”.

Ebbene a fronte di questo racconto la prima domanda che sorge spontanea è: che cosa avevano combinato gli abitanti di Sodoma e Gomorra per meritarsi una punizione di questo tipo? L’avevano “fatta grossa”?

A tal proposito vi sono diverse interpretazioni ma quella più in voga è che, secondo la tradizione, gli abitanti di Sodoma, in particolare, avessero peccato nelle trasgressioni omosessuali. Non a caso dal nome di questa antica città è derivato il verbo SODOMIZZARE (7), che significa possedere carnalmente, attraverso la pratica anale, una persona per lo più non consenziente (8). Negli anni a venire è probabile che entrambe le città siano state usate come esempio per descrivere cosa succede a chi cede al vizio e all'omosessualità (9).

A prescindere dall’interpretazione, addentriamoci in un altro MISTERO. Prima di spremere le meningi su quello che è successo, ovvero se l’annientamento delle città è opera di un’entità soprannaturale oppure causata da Madre Natura, dobbiamo chiederci: ma queste città, in particolare Sodoma e Gomorra, sono REALMENTE esistite? Oppure è solo un racconto presente nella Bibbia?

Per chi non è credente è probabile che siano tutte, o buona parte, fantasie, eppure ci sono ipotesi da parte di archeologi che riguardano la loro esistenza. Negli anni settanta del secolo scorso, vicino al lato orientale del Mar Morto, gli archeologi trovarono TRACCE di insediamenti e, in tempi più recenti, anche reperti di una città conosciuta come Tall el-Hammam, nell’attuale Giordania. Lo scopritore delle rovine, l’archeologo Steven Collins (10), afferma che l’insediamento è più grande dalle cinque alle dieci volte rispetto ad altri siti trovati nell’Età del Bronzo in questa regione (11).

Dr Steven Collins

Gli scavi nella Valle del Giordano sono iniziati nel 2005 e, nei successivi dieci anni, gli archeologi hanno scoperto che si trattava di una città-stato, con un ottimo sistema di difesa che fiorì senza sosta per circa 3000 anni a partire dal 4700 a.C. fino a quando fu distrutta circa nel 1650 a.C. (12). Quindi in base alle rovine ritrovate, per Collins, essa potrebbe assomigliare alle descrizioni bibliche della città di Sodoma, distrutta da Dio. La cosa interessante è che Tall el-Hammam non era una città isolata. Nella valle del Giordano meridionale ci sono i resti di altre quindici città e oltre cento villaggi più piccoli che furono tutti abbandonati contemporaneamente alla fine della media Età del Bronzo, per poi rimanere in gran parte disabitati per circa 300-600 anni.

Tall el-Hammam: prima della catastrofe e al giorno d'oggi

Quindi, ecco che arriviamo al NOCCIOLO DELLA QUESTIONE: quale fu la causa che portò ad abbandonare così tanti nuclei abitativi nello stesso tempo; peraltro in una delle zone più fertili del Medio Oriente? Lo scopo principale degli archeologi consisteva nel risolvere il mistero e per questo si sono concentrati sui resti databili dal 1800 al 1550 a.C. circa (13).

Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Nature Scientific Reports ha riferito che gli archeologi, analizzando il sito, hanno trovato insoliti resti come mattoni e pezzi di legno, il cui stato pare fosse causato da una esposizione violenta a temperature superiori a 2.000 °C, ossia a temperature impossibili da raggiungere con gli strumenti dell'epoca. Il geologo all'Università di Santa Barbara (California), James Kennett, ha spiegato che uno dei ritrovamenti più strani è quello di un minerale chiamato "QUARZO DA IMPATTO", trovato in uno degli strati delle rovine della città. Secondo i dati della ricerca, l'esistenza di questo minerale si può spiegare quasi solo se si ipotizzano variazioni di pressione molto elevate, per esempio causate dall'esplosione di un asteroide nell'aria (14).

Microfotografia di un quarzo shockato.
Microfotografia a luce polarizzata di un granello di quarzo sconvolto dal cratere da impatto di Chesapeake Bay, che mostra i PDF. Larghezza: 0,13 mm .

Ci sono anche prove che il CAMBIAMENTO DI PRESSIONE, legato all'esplosione, possa aver causato il sollevamento di cloruro di sodio nel terreno, il che spiegherebbe la grande quantità di sale presente nelle rovine e nel Mar Morto. È probabile che tale minerale abbia causato danni al raccolto a tal punto che gli abitanti della valle del Giordano abbandonarono le loro città nella stessa data. Inoltre gli scienziati hanno anche trovato resti di ossa estremamente disarticolati e frammentati appartenenti a scheletri di molte persone, sempre nelle vicinanze del luogo dell'evento. Infatti pare che a Tall el-Hammam morirono circa 8.000 persone, oltre a molti animali.

Nonostante i dati scientifici, ancora oggi il dibattito è aperto: non ci sono prove che questa città fosse Sodoma e Gomorra ma si ipotizza che fosse fonte di ISPIRAZIONE per il racconto biblico, il quale inizialmente era una sorta di tradizione orale e poi venne registrata nella Bibbia intorno al VI-V secolo a.C. (15) Se così fosse, l’energia di una esplosione simile si potrebbe paragonare alle stessa di quella sviluppata da un migliaio di bombe atomiche simili a quella di HIROSHIMA oppure a quella avvenuta a TUNGUSKA (Siberia) nel 1908, quando una cometa esplose a circa 20 chilometri d'altezza distruggendo 2.000 chilometri quadrati di foresta (16). Sono eventi che ci fanno capire quanto l’essere umano non sia padrone del mondo e neppure al centro dell’universo ma un piccolo essere vivente in balia di eventi catastrofici sia che essi siano provocati da entità divine oppure da Madre Natura.


Alla prossima

Aria Shu



Copyright © 2022-2023, “www.mondidiaria.com” – Tutti i diritti riservati.



Note dell’articolo:

(2) La cosiddetta “pentapoli” che nell'antichità classica, indicava L’unione di cinque città che avevano in comune ideali politici o religiosi (https://languages.oup.com/google-dictionary-it/)

(3) Polidoro, M. & Bongiorni, F., Atlante dei luoghi misteriosi dell’antichità, Bompiani, Milano, 2020, p. 79.


(8) La formazione rocciosa sulla costa giordana del Mar Morto è appunto come "Statua di Lot".


(7) Polidoro, M. & Bongiorni, F., Atlante dei luoghi misteriosi dell’antichità, Bompiani, Milano, 2020, p .79.

(8) Enciclopedia online Treccani: https://www.treccani.it/vocabolario/sodomizzare/

(10) Steven Collins, dell’università Trinity, Southwestern del New Mexico.

(11) Polidoro, M. & Bongiorni, F., Atlante dei luoghi misteriosi dell’antichità, Bompiani, Milano, 2020, p. 80.

(12) Ted E. Bunch, Malcolm A. LeCompte, A. Victor Adedeji, et Al., A Tunguska sized airburst destroyed Tall el-Hammam a Middle Bronze Age city in the Jordan Valley near the Dead Sea, in: Scientific Reports, n.18632 (2021). Articolo online: https://www.nature.com/articles/s41598-021-97778-3

(13) Ted E. Bunch, Malcolm A. LeCompte, A. Victor Adedeji, et Al., A Tunguska sized airburst destroyed Tall el-Hammam a Middle Bronze Age city in the Jordan Valley near the Dead Sea, in: Scientific Reports, n.18632 (2021). Articolo online: https://www.nature.com/articles/s41598-021-97778-3

(14) Articolo di Luigi Bignami, on line: https://www.focus.it/cultura/mistero/asteroide-sodoma-gomorra; Ted E. Bunch, Malcolm A. LeCompte, A. Victor Adedeji, et Al., A Tunguska sized airburst destroyed Tall el-Hammam a Middle Bronze Age city in the Jordan Valley near the Dead Sea, in: Scientific Reports, n.18632 (2021). Articolo online: https://www.nature.com/articles/s41598-021-97778-3

(16) Articolo di Luigi Bignami, on line: https://www.focus.it/cultura/mistero/asteroide-sodoma-gomorra



Fonti articolo:


-Polidoro, M. & Bongiorni, F., Atlante dei luoghi misteriosi dell’antichità, Bompiani, Milano, 2020, p. 79.


-https://www.laparola.net/wiki.php?riferimento=Genesi+18,20-33;+19,+1-30


-Enciclopedia online Treccani: https://www.treccani.it/vocabolario/sodomizzare/



-Ted E. Bunch, Malcolm A. LeCompte, A. Victor Adedeji, et Al., A Tunguska sized airburst destroyed Tall el-Hammam a Middle Bronze Age city in the Jordan Valley near the Dead Sea, in: Scientific Reports, n.18632 (2021).


-Articolo di Luigi Bignami, on line: https://www.focus.it/cultura/mistero/asteroide-sodoma-gomorra + nature




Fonti immagini: le immagini che trovi nel mio blog sono state prelevate da internet in molteplici copie e in siti senza copyright. Nel caso in cui, inavvertitamente, avessi pubblicato immagini coperte da copyright, mi scuso in anticipo e ti chiedo di comunicarmelo immediatamen

Comments


bottom of page
Termini e Condizioni