Privacy Policy Termini e Condizioni
top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreAria Shu

IL TERRORE VIEN DI NOTTE: QUANDO STRANE ENTITÀ CI VENGONO A TROVARE NELLA NOSTRA CAMERA!

Aggiornamento: 12 ott 2021


Ad alcuni di voi sicuramente sarà capitato di svegliarsi improvvisamente nel cuore della notte con l’impressione che ci fosse qualcuno nella vostra camera. Oppure state per andare a letto e sentite come una “PRESENZAACCANTO A VOI… ma poi guardate e non c’è nessuno! O, ancora peggio, di sentire su di voi come una persona coricata fino a soffocarvi. Ma anche di vedere con i propri occhi qualcuno, come una figura di un uomo o donna, ai piedi del letto (1)!!!

Ebbene sono esperienze davvero inquietanti, che ci spaventano e per questo ci facciamo un miliardo di domande: perché ci capitano, chi c’è nella mia stanza? Quell’entità vuol farmi del male oppure è venuta semplicemente a farmi visita (2)?

Da un punto di vista paranormale, o per lo meno coloro che si occupano di SPIRITISMO, fantasmi o di stregoneria sostengono l’ipotesi che queste proiezioni siano un tentativo dei defunti di inviarci dei messaggi o di ritornare nel mondo dei vivi. Invece coloro che si interessano più di telepatia (3) affermano che queste visioni siano una sorta di messaggi provenienti da un'altra mente (4). Oppure per altri studiosi possono rappresentare un “DONO” e quell’evento paranormale è riservato ad alcune persone speciali in quanto non tutti possono essere testimoni di queste esperienze.

Dico la verità: pure a me è capitato! Cinque anni fa, una sera, quando stavo per addormentarmi ho sentito MIO PADRE, oramai morto da anni, che rovistava nel mio armadio…come poi faceva quando era in vita! Quindi ammetto che effettivamente sono sensazioni che sembrano talmente reali che è difficile non credere che siano segnali provenienti dall’Aldilà!! Infatti, per un periodo ammetto di aver creduto che fosse veramente lui o per lo meno non escludo che lo possa essere stato! Poi ovviamente mi sono capitati altri episodi simili, come udire delle melodie, cantilene o addirittura sentire il mio nome!!! È tutto COSI’ REALE!

Spesso molti nostri conoscenti di fronte ad un evento incerto ci consigliano di ascoltare due campane, nel senso di DUE VERSIONI dei FATTI! Troppo comodo sarebbe considerare SOLO QUELLO che vogliamo sentirci dire…

Bene! Inizio a ridimensionare il fatto che, nel mio caso, con mio padre non è detto che sia stato un episodio squisitamente paranormale ma forse ci potrebbe essere una spiegazione più razionale! Peccato, speravo di ESSERE SPECIALE… che narcisista!!!!

Scherzi a parte, da varie ricerche che ho fatto ho imparato che il passaggio dalla veglia al sonno e viceversa non è improvviso, come accendere o spegnere un interruttore. Tra i due stati di veglia e sonno esiste una REGIONE INTERMEDIA che è un terreno fertile per le manifestazioni di visioni bizzarre o curiose. In particolare, per la scienza, il passaggio dalla veglia al sonno prende il nome di “stato ipnagogico”, mentre quello dal sonno alla veglia si chiama “stato ipnopompico”. Questi due stati sono ricchi di immagini, in particolare quello ipnagogico (5). Ma andiamo per ordine. Vediamo alcune caratteristiche.

1. Le immagini ipnagogiche possono coinvolgere qualunque modalità sensoriale: quella uditiva (come sentir chiamare il proprio nome); quella visiva (come vedere un VOLTO NEL BUIO); quella cinetica, che coinvolte il nostro corpo (come immaginare di inciampare per strada e poi sobbalzare veramente sul letto); quella olfattiva e tattile (come sentire degli odori o profumi quando in realtà non ci sono).

2. A differenza delle immagini ipnagogiche le immagini ipnopompiche fanno la loro comparsa al momento di svegliarsi. Il contenuto di queste fantasie non è molto diverso da quello delle immagini ipnagogiche, ma è solo più raro poiché “sappiamo” che dobbiamo svegliarci e quindi siamo prossimi alla preparazione della giornata.


MA ORA VIENE IL BELLO… se così si può dire!


Addentriamoci ora ad esperienze ancora più TERRORIZZANTI. Come ho scritto all’inizio, ci possono capitare degli eventi dove abbiamo la sensazione che qualcuno entri in camera nostra ma, rispetto a quelle trattate fino ad ora, sono MOLTO più INQUIETANTI e letteralmente CI PARALIZZANO!!

Già nell’antichità i Babilonesi chiamavano questa SCOMODA E MALIGNA intrusione LILITU (lei-demone) o Lilith (6); nel Medioevo era nota invece come LAMIA, mentre nell’antica Germania come MARE, ovvero una donna vecchia e orribile che sedeva sul petto del dormiente e produceva brutti sogni. Nella tradizione romana prende il nome di INCUBUS, “incubo” (7), inteso come entità demoniaca che aveva la capacità di opprimere la persona durante il suo sonno, provocando così un senso di soffocamento sul corpo (8).

Questi fenomeni vengono chiamati PARALISI NOTTURNE e si verificano con reali cambiamenti fisici, non sono solo nostri viaggi mentali!!! Quindi potremmo avere: occhi spalancati; difficoltà respiratorie e paralisi dei muscoli e in seguito alcune persone tremano e appaiono pallide. Insomma si è letteralmente paralizzati nel proprio sonno! Non è uno scherzo!!!

Come abbiamo visto nel mio articolo sui sogni premonitori (9), durante ogni fase cosiddetta REM del sonno, per intenderci quella in cui dominano i sogni vividi, (che accade per 4 o 5 periodi ogni notte, per un totale di 90 minuti) il nostro corpo, ad eccezione degli occhi, è completamente paralizzato e non riusciamo a muoverci. In altre parole non riusciamo a controllare i nostri muscoli, per un meccanismo fisiologico.

A volte però succede che il risveglio non è in sincronia con la fase in cui i muscoli riprendono la loro normale attività e per questo si rimane coscienti ma non ci si riesce a muovere! In alcuni casi, le immagini del sogno si estendono alla fase di veglia e per questo potremmo avere delle allucinazioni (o in altre modalità sensoriali) quasi sempre avvertite come visioni o sensazioni paurose. Infatti, il TERRORE sembra essere un elemento che prevale in questo tipo di esperienze, forse dovuto da una iper-attivazione dell’amigdala, la parte del cervello adibita ai meccanismi di ansia e paura (10) o probabilmente ai neuroni a specchio (11). In particolare la sensazione di avere qualcuno o qualcosa sul petto, può portarci a respirare in modo affannoso.

Di conseguenza l’IPERVENTILAZIONE fa diminuire la quantità di ossigeno al cervello e questo ci provoca una maggior sensibilità nell’udire ogni piccolo rumore, amplificandolo e sentendolo molto forte, come ad esempio: le voci lontane, i passi delle scale o sussurri misteriosi. Inoltre, il voler muoversi durante una paralisi, può aumentare la consapevolezza della rigidità muscolare, delle coperte che avvolgono il corpo e del sudore sulla pelle. Questo alimenta la sensazione di essere bloccato da mani estranee o da “membrane di gomma” (12). Insomma tutto diventa un tremendo incubo.


Detto ciò, se vi sono capitate esperienze di questo genere, come avere un “intruso/i” in camera o addirittura gli alieni, non dovete aver paura o allarmarvi subito e andare dallo psicoanalista o dal medico (13) ma forse, fantasmi a parte, è solo madre natura che cerca di difendere il nostro meritato sonno, anche se in modo TERRIFICANTE!

Alla prossima.

Aria Shu


Copyright © 2020-2021, “www.mondidiaria.com” – Tutti i diritti riservati.



Note dell’articolo:

(1) Polidoro, M.,Il sesto senso. Strani fenomeni di vita quotidiana, Edizioni Piemme, Milano, 2000, pp. 137-139.

(2) Polidoro, M.,Il sesto senso. Strani fenomeni di vita quotidiana, Edizioni Piemme, Milano, 2000, p. 153.

(4) Polidoro, M.,Il sesto senso. Strani fenomeni di vita quotidiana, Edizioni Piemme, Milano, 2000, p. 153.

(5) Polidoro, M.,Il sesto senso. Strani fenomeni di vita quotidiana, Edizioni Piemme, Milano, 2000, p.147.

(7) Polidoro, M., Il sesto senso. Strani fenomeni di vita quotidiana, Edizioni Piemme, Milano, 2000, p. 153.

(10) Per approfondimenti vedi articolo focus online: https://www.focus.it/scienza/scienze/svegli-in-un-incubo

(11) Per approfondimenti vedi articolo on line riguardo i neuroni a specchio: https://www.univadis.it/viewarticle/lo-studio-fantasmi-in-camera-da-letto-colpa-dei-neuroni-specchio-551636

(12) Polidoro, M., Il sesto senso. Strani fenomeni di vita quotidiana, Edizioni Piemme, Milano, 2000, pp. 154-155.

(13) Per approfondimenti vedi articolo on line: https://www.diariodelweb.it/salute/articolo/?nid=20170914_447531



Fonti articolo:

Polidoro, M.,Il sesto senso. Strani fenomeni di vita quotidiana, Edizioni Piemme, Milano, 2000.








Fonti immagini: le immagini che trovi nel mio blog sono state prelevate da internet in molteplici copie e in siti senza copyright. Nel caso in cui, inavvertitamente, avessi pubblicato immagini coperte da copyright, mi scuso in anticipo e ti chiedo di comunicarmelo immediatamente. Grazie!






Comments


bottom of page
Termini e Condizioni